Cellule staminali: Nuova speranza per la sclerosi multipla

Alcuni casi più gravi di sclerosi multipla potrebbero trovare una via di ‘cura’ nelle cellule staminali del midollo osseo: infatti uno studio clinico italiano di fase II mostra che il trapianto di staminali prese dal midollo del paziente stesso aiuta a contenere i danni della malattia. Pubblicato sulla rivista Neurology, il lavoro ha coinvolto pazienti in condizioni non buone di malattia, nonostante i trattamenti ricevuti. Continue reading “Cellule staminali: Nuova speranza per la sclerosi multipla” »

Problemi di salute? C’é doctor Google

Cercare sintomi e malattie sul web è pratica comune, tanto che su Google una ricerca su 20 riguarda la salute. Forte di questo, la compagnia ha deciso di fornire risposte più immediate e attendibili, mostrando un box con info scritte e verificate da medici. Nei prossimi giorni, spiega Big G, in Usa cercando una malattia sul motore di ricerca si accederà a sintomi, trattamenti, contagiosità e così via. “Non sono consigli medici – spiega Mountain View – ma solo materiale a scopo informativo”.

Il box sulla destra della pagina di ricerca è quello che Google già usa da qualche tempo per offrire informazioni su personaggi o fatti storici. Applicato alla salute, conterrà sintomi, trattamenti, diffusione, pericolosità e contagiosità di una malattia, insieme a illustrazioni scientifiche e autorizzate. Le informazioni, sottolinea Google, sono state compilate e verificate da un team di medici. Continue reading “Problemi di salute? C’é doctor Google” »

Vuoi fare topless? Ecco la chirurgia estetica per un seno in vista

Muori dalla voglia di metterti in topless per un’abbronzatura senza segni, ma non osi  per un seno non perfettamente al top? Niente paura: con un ritocco chirurgico potrai sfoggiare un seno in splendida forma!

Siamo nel pieno dell’estate e cresce sempre più l’esigenza e la voglia di scoprirsi il più possibile. Soprattutto se si va al mare od in piscina per un tuffo rigenerante ed un bagno di sole che regali alla pelle una dorata luminosità. Via quindi tutto (o quasi) ciò che  impedisce il corpo, perché l’estate è soprattutto sinonimo di libertà, ma anche desiderio di sedurre o farsi semplicemente ammirare. Il topless consente di soddisfare tutti questi obiettivi, ma non tutte possono “permetterselo”. Per una questione di età o di estetica, molte donne rinunciano ad un’abbronzatura integrale perché provano vergogna od imbarazzo verso alcuni piccoli inestetismi del seno. Se questi inestetismi minacciano così tanto la serenità e la libera espressione della propria femminilità – limitando di conseguenza la qualità della propria vita – allora sarebbe il caso di pensare ad un piccolo rimodellamento della parte vissuta in maniera così negativa. Stiamo parlando del seno in senso lato, con un particolare riferimento alla zona dei capezzoli e dell’areola, spesso sede di piccole ma evidentissime imperfezioni.

Continue reading “Vuoi fare topless? Ecco la chirurgia estetica per un seno in vista” »

Autopalpazione: come si esegue?

A cura del Dr. Raffaele Soccio

Alcuni consigli per effettuare una autopalpazione corretta.
Autopalpazione in posizione eretta
Esegui l’autopalpazione con il corpo eretto, davanti a uno specchio in una zona ben illuminata. Alza dolcemente le mammelle (prima l’una e poi l’altra) per osservare la parte inferiore e analizzare l’aspetto che presenta la cute in questa zona. Controlla che in entrambe le mammelle non ci siano irregolarità di forma o posizione, secrezione dai capezzoli, retrazione, aspetto a buccia d’arancia o desquamazione della pelle, presenza di aree gonfie o arrossate. Continue reading “Autopalpazione: come si esegue?” »

L’autoesame del seno: quando va fatto?

A cura di Raffaele Soccio

Il cancro della mammella è la prima causa di morte per tumore nelle donne dai 50 ai 70 anni, con maggiore percentuale di incidenza tra i 50 e i 65 anni e una percentuale minore dai 40 ai 50 anni. Questo è il motivo principale per il quale i programmi di screening del tumore della mammella si rivolgono alla popolazione femminile con età compresa tra 50 e 69 anni. È utile che ogni donna, dai 20 anni in poi, controlli da sola il proprio seno una volta al mese. Il momento migliore corrisponde a 2 o 3 giorni dopo il termine di ogni periodo mestruale, (una settimana dopo l’inizio del ciclo), quando il seno é generalmente meno teso o ingrossato. Continue reading “L’autoesame del seno: quando va fatto?” »

Le emorroidi: cosa sono e come si curano

Le emorroidi, sono cuscinetti che si trovano nel canale anale, ce ne è uno a sinistra e due a destra in posizione anteriore e posteriore. Questi cuscinetti, sono formati da un groviglio di vasi sanguigni che sono ricoperti da mucosa, sono presenti anche fibre muscolari ed elastiche. Questa struttura vascolare, costituisce un tessuto dall’aspetto spugnoso, è una specie di corpo cavernoso, si rigonfiano in modo variabile grazie alla presenza di alcune piccole valvole che controllano l’ingresso e l’uscita del sangue. Questi cuscinetti si gonfiano quando gli sfinteri sono più rilasciati, ad esempio quando si urina o quando si è seduti, è probabile, infatti, che la funzione di cuscinetti sia quella di continenza alle feci e ai gas. Continue reading “Le emorroidi: cosa sono e come si curano” »

La cistite femminile

La cistite è l’infiammazione acuta o cronica della vescica urinaria, in genere è causata da un’infezione batterica o, più raramente, da traumi o situazioni di diminuita resistenza immunitaria (es.dopo radioterapia). Il 20-30% delle donne adulte sviluppa uno o più episodi di cistite ogni anno, l’incidenza aumenta con l’età, è molto bassa nell’età prepuberale mentre con l’inizio dell’attività sessuale e le gravidanze aumenta e continua ad aumentare dopo la menopausa. La probabilità di cistiti ricorrenti cresce se aumenta il numero degli episodi precedenti, diminuisce invece, se tanto più lungo è stato l’intervallo tra gli episodi precedenti. Le vulvovaginiti rappresentano una causa di aumento del rischio di cistite. Continue reading “La cistite femminile” »

La schiena fa male? Smetti di fumare!

Il fumo rovina i dischi intervertebrali. Le sostanze nocive messe in circolo con la sigaretta danneggiano il DNA delle cellule, soprattutto nei giovani

Il fumo fa male non solo ai polmoni e al cuore. Fumare danneggia anche la schiena ed i dischi intervertebrali (ovvero i «cuscinetti ammortizzanti»).

I danni alla colonna potrebbero essere ancora più gravi per chi inizia a fumare da adolescente. Sono i risultati di uno studio su topi esposti al fumo di sigaretta condotto da ricercatori della Clinica ortopedica dell’Università Cattolica – Policlinico Gemelli di Roma, insiema a colleghi dell‘Università di Pittsburgh (Usa), pubblicato su The Spine Journal. La degenerazione dei dischi intervertebrali è responsabile di molte patologie croniche della colonna vertebrale, come stenosi, radicolopatie, lombalgie e cervicalgie croniche. Continue reading “La schiena fa male? Smetti di fumare!” »